Nell’ambito del Progetto Ryder Cup 2022 la FIG, Federazione Italiana Golf,  promuove l’iniziativa per bambini autistici sviluppata da “Golfprogram” con la collaborazione di “Una breccia nel muro” e il supporto del circolo romano Archi di Claudio Golf Club. Ecco il comunicato stampa della Federazione Golf.

Il golf come strumento di inclusione, socializzazione e integrazione, anche per i bambini affetti da spettro autistico.

Nell’ambito del Progetto Ryder Cup 2022, nasce “Golf4Autism”, esperienza pilota da un’idea di Golfprogram, con il patrocinio della Federazione Italiana Golf  e la collaborazione dell’Associazione di volontariato “Una breccia nel muro”. Lo sport si conferma così lo strumento ideale per favorire l’inclusione sociale delle persone con disabilità e il golf, in particolare, grazie alla ripetitività del gesto tecnico e agli spazi aperti e rilassanti, risulta particolarmente congeniale per mettere a proprio agio i bambini con spettro autistico, coinvolgendo anche le famiglie.

La conferenza stampa “Golf4Autism”si terrà a Roma il 17 gennaio alle ore 18.15 presso la Sala Convegni dell’Associazione Civita – Piazza Venezia 11. Interverranno: Gian Paolo Montali (Direttore Generale Progetto Ryder Cup 2022);  Alberto Zuliani (Presidente Associazione Una breccia nel muro);  Andrea Ranza (Golf Program); Gianluca Cencia (Archi di Claudio Golf Club);  Niccolò Collini (Coordinatore dell’area sanitaria della Fondazione Opera Santa Rita Onlus di Prato e Direttore del servizio ambulatoriale per l’autismo e la logopedia).

LA FASCIA DI ETÀ – Il Progetto “Golf4Autism” si rivolge a bambini di età compresa fra i 6 e i 12 anni e si propone come un aiuto per la socializzazione e l’integrazione grazie alla naturale propensione all’aggregazione del golf. In un’atmosfera divertente e in totale sicurezza i bambini sono portati a sfidarsi sul green annullando ogni barriera fra di loro. La fase sperimentale portata avanti nel 2017 presso il circolo romano Archi di Claudio Golf Club ha dato indicazioni molto incoraggianti con benefici per tutti i partecipanti.

STIMOLO PER CONCENTRAZIONE E COORDINAZIONE Il golf è uno sport che si pratica in spazi liberi, dove gli unici rumori sono i suoni della natura. Si tratta di una disciplina che richiede una concentrazione di breve durata intervallata da soste ed è quindi particolarmente indicata e valorizzante per i bambini con spettro autistico. Inoltre, facilita la coordinazione motoria statica e dinamica.

LO SVILUPPO DI “GOLF4AUTISM” Avvicinare al golf dieci bambini con spettro autistico fra i 6 e i 12 anni di età facendoli interagire con coetanei a sviluppo tipico, è questo il traguardo che si pone “Golf4Autism”. L’attività sportiva si svolgerà la domenica per un’ora e mezza nel corso di dieci mesi, principalmente presso il campo dell’Archi di Claudio  Golf Club e, nei giorni di pioggia, presso le play room dell’Associazione di volontariato “Una breccia nel muro”. Per ogni sessione sul campo è prevista la co-presenza sul campo dei maestri – formati da Golfprogram – e di uno o due terapisti a seconda delle esigenze. E’ previsto un periodo di formazione incrociata: i terapisti impareranno dai maestri le caratteristiche tecniche del golf e i maestri apprenderanno dai terapisti le problematiche dei bambini autistici, le tecniche per catturarne l’attenzione, valorizzarne le capacità e fronteggiare le criticità.

DIVERTIMENTO IN SICUREZZA – Nelle esercitazioni sul campo saranno usati kit specifici, non pericolosi, con supporti percettivi per l’utilizzo da parte di bambini autistici; verranno diminuiti gli stimoli sensoriali distraenti disposti sugli attrezzi sportivi. I diversi materiali potranno essere adattati sul campo per garantire una maggiore efficacia per i diversi esercizi da svolgere. Saranno registrati gli avanzamenti dei bambini sul piano sportivo, traendo indicazioni anche da test previsti all’inizio e al termine del percorso. Particolare attenzione verrà riservata al benessere e alla soddisfazione da parte delle famiglie di entrambi i gruppi di bambini. Al termine dell’anno si svolgerà una gara finale con premi. Nella stessa giornata sarà svolto un incontro di studio e riflessione sull’esperienza con la partecipazione delle famiglie che si confronteranno con sportivi, in particolare golfisti, psicologi, neuropsichiatri infantili. L’obiettivo di “Golf4Autism” è aumentare progressivamente il numero di bambini coinvolti e garantire la continuità nei prossimi anni.